Questo sito può utilizzare cookies tecnici e/o di profilazione, anche di terze parti, al fine di migliorare la tua esperienza utente.

Proseguendo con la navigazione sul sito dichiari di essere in accordo con la cookies-policy.   Chiudi

COPERTI ALTRI DUE ARMADI, LA FIBRA OTTICA RAGGIUNGE ORMAI PIU’ DEL 95% DELLE CASE DEL TERRITORIO COMUNALE!

inserita il: 04/10/2019 10:39

COPERTI ALTRI DUE ARMADI, LA FIBRA OTTICA RAGGIUNGE ORMAI PIU’ DEL 95% DELLE CASE DEL TERRITORIO COMUNALE!

Arrivata ormai a risoluzione, pressoché definitiva, la questione fibra sul territorio comunale. Dopo i primi interventi dell’operatore TIM, dopo gli stretti contatti intercorsi a partire dal 2017 tra l’amministrazione comunale e l’Ing. Alessandro Bettini, Responsabile TIM Toscana Ovest, dopo i vari step seguiti passo passo dall’amministrazione e dai cittadini, a fine settembre come prestabilito sono stati coperti da fibra altri due armadi situati nel centro di Calcinaia, precisamente l’armadio n. 3 e l’armadio n. 4.

Questo significa che dei 26 armadi presenti nel nostro territorio, 25 risultano raggiunti da fibra ottica, servendo oltre il 95% della popolazione.

Si parla di un investimento complessivo di 400.000 € a carico dell’operatore per dotare il nostro Comune di una nuova rete in fibra ottica che grazie alla tecnologia FTTC (Fiber to the cabinet) permette di utilizzare la connessione superveloce fino a 100 Megabit al secondo in download a beneficio di cittadini e imprese.

Per la stragrande maggioranza dei cittadini di Calcinaia e Fornacette è quindi già possibile attivare questo servizio.

Resta fuori, al momento solo l’armadio n. 2 che copre alcune strade centrali di Calcinaia come via XX Settembre, via Garibadli e via Ricasoli e che pur essendo già cablato non può essere attivato sempre a causa di disposizioni regolatorie nazionali che lo individuano come area bianca.

L’amministrazione in costante contatto con gli operatori sta cercando di ovviare al problema per fare in modo che il 100% del territorio comunale sia servito dalla banda ultralarga.

Condividi