Questo sito può utilizzare cookies tecnici e/o di profilazione, anche di terze parti, al fine di migliorare la tua esperienza utente.

Proseguendo con la navigazione sul sito dichiari di essere in accordo con la cookies-policy.   Chiudi

FESTA DELLA LIBERAZIONE 2017: LE CELEBRAZIONI ISTITUZIONALI

inserita il: 13/04/2017 13:00

FESTA DELLA LIBERAZIONE 2017: LE CELEBRAZIONI ISTITUZIONALI

La fine della Seconda Guerra Mondiale, la vittoria delle lotte di Resistenza contro il nazi-fascismo e, a seguire, il processo costituente che portò alla nascita della Repubblica Italiana. E’ questo ciò che ricordiamo il giorno del 25 Aprile, Settantaduesimo Anniversario della Liberazione d'Italia.

Proprio per questi motivi, il Comune di Calcinaia festeggerà Martedì 25 Aprile la ricorrenza della Liberazione, aprendo la giornata con le tradizionali celebrazioni ufficiali.

Protagonisti saranno i centri di Calcinaia e Fornacette. Il corteo, guidato dal Sindaco, dall’intera giunta e arricchito dalla presenza di associazioni del territorio, partirà alle ore 9,00 dal Palazzo Municipale di Calcinaia. Verranno deposte corone in memoria dei caduti in Piazza Indipendenza, in Lungarno Roma e in Via Caldereto.

La cerimonia proseguirà a Fornacette, con la deposizione delle corone in Piazza della Repubblica e in Piazza della Resistenza, al monumento del partigiano Nevilio Casarosa.

La mattinata si concluderà a Pontedera, con le celebrazioni congiunte dell’intera Unione Valdera, che vedranno sfilare assieme Sindaci e gonfaloni dei Comuni che ne fanno parte, nel segno della condivisione. La manifestazione avrà inizio alle ore 11 dal Municipio pontederese, in piazza Cavour. Al ritmo della musica eseguita da ben tre bande, la Filarmonica di Pontedera, quella di Santo Pietro – Capannoli e quella di Palaia, il corteo si incamminerà sul corso principale. Dopo una sosta in Piazza Martiri della Libertà, si ripartirà alla volta di Piazza Garibaldi, dove si terrà la cerimonia istituzionale di fronte al monumento ai caduti, con gli interventi istituzionali delle autorità presenti.

Tutti i cittadini e le cittadine sono invitati a partecipare.

Condividi