Questo sito può utilizzare cookies tecnici e/o di profilazione, anche di terze parti, al fine di migliorare la tua esperienza utente.

Proseguendo con la navigazione sul sito dichiari di essere in accordo con la cookies-policy.   Chiudi

ROBOTICA SUI BANCHI DI SCUOLA? IN VALDERA È REALTÁ

inserita il: 18/04/2017 16:26

ROBOTICA SUI BANCHI DI SCUOLA? IN VALDERA È REALTÁ

In Valdera la robotica arriva sui banchi di scuola. Un azzardo? Tutt’altro, visto che troverà un terreno fertile e ben preparato per poter dare i suoi migliori frutti: dalla totale connettività, garantita agli istituti scolastici dall’Unione Valdera, ai processi di informatizzazione in corso, sia in “aula”, che in tutti gli uffici degli enti locali, fino agli interventi e alle strategie per il superamento del digital divide.

Di traguardi raggiunti in tema di digitalizzazione, ma soprattutto di quelli che stanno per esser conquistati, si parlerà nel meeting promosso dall’Unione Valdera in programma nella mattinata di Venerdì 21 Aprile, dal titolo “Enti locali e scuole nell’era digitale: politiche ed esperienze nella transizione verso la gestione full digital”. Voci autorevoli e prestigiose, direttamente dalla Scuola Superiore Sant’anna e dalla Regione Toscana, si alterneranno nella Sala Convegni di Via Brigate Partigiane, per illustrare le nuove tappe del cammino 2.0 che le istituzioni, e in particolar modo le scuole, stanno compiendo.

“L’Unione dei Comuni della Valdera – dichiara la Sindaca delegata ai servizi informativi dell'Unione Valdera, Arianna Cecchini -  ha intrapreso ormai da alcuni anni il proprio percorso di cambiamento, volto al superamento del vecchio modello di amministrazione e alla realizzazione di un sistema nuovo, dematerializzato e digitalizzato, più efficace ed efficiente”.

“In questo ampio quadro di trasformazione – prosegue -, un punto centrale è certamente occupato dal sistema scolastico. Pensiamo infatti che la scuola debba essere una fucina di innovazione, un luogo in cui  i giovani “imparano ad imparare” e a muoversi con consapevolezza e senso critico nella moderna società dell'informazione. Per rendere possibile tutto ciò, abbiamo sostenuto, e continuiamo a sostenere, gli istituti scolastici nel loro processo di evoluzione, che richiede nuove strumentazioni e metodologie didattiche all’avanguardia”.

“La scuola 2.0 che stiamo costruendo nel presente e che vogliamo ancora più potenziata nel futuro è una scuola che si caratterizza per una didattica laboratoriale, in grado di unire il sapere e il saper fare. È una scuola fatta di aule che non sono semplicemente “contenitori di tecnologia”, ma veri e propri “luoghi di innovazione” e di lavoro cooperativo tra gli allievi, per sviluppare le abilità richieste nei nuovi contesti lavorativi e sociali”.

Il convegno, aperto a tutti gli interessati e a ingresso libero, si terrà a Pontedera, nella sede dell’Unione Valdera, a partire dalle ore 9. Dopo il caffè di benvenuto e la registrazione dei partecipanti, ad aprire i lavori e fare gli onori di casa sarà il Presidente dell’Unione dei Comuni della Valdera, Corrado Guidi. Seguirà l’intervento del Dirigente dell’Area Affari Generali dell'Unione, Giovanni Forte, che illustrerà il piano di informatizzazione dell’ente e il supporto garantito da quest’ultimo alle scuole. A stravolgere ogni paradigma di didattica tradizionale saranno le parole del Direttore Polo Valdera Scuola Superiore Sant’Anna, Paolo Dario, che illustrerà gli orizzonti della robotica educativa. Di digital divide scolastico e di peer – education e del suo superamento tratterà invece Damiano Bolognesi, del Cred Valdera. A concludere la mattinata sarà l’intervento dell’Assessore allo sviluppo della società dell'informazione della Regione Toscana, Vittorio Bugli, che svelerà gli orientamenti regionali nella transizione verso l'era digitale. La chiusura del convegno sarà affidata ad Arianna Cecchini, Sindaca delegata ai servizi informativi nell'Unione Valdera.

Per informazioni è possibile contattare il numero 0587 299580 o scrivere all’indirizzo mail p.pietroni@unione.valdera.pi.it.

 

 

 

 

 

 

Condividi