Questo sito può utilizzare cookies tecnici e/o di profilazione, anche di terze parti, al fine di migliorare la tua esperienza utente.

Proseguendo con la navigazione sul sito dichiari di essere in accordo con la cookies-policy.   Chiudi

Guasti Pubblica Illuminazione

Cartina del Comune di Calcinaia

CALCINAIA, TI VISITO!

Foto Gallery

Riciclario

TESEO LINK

Unione Valdera

Geofor

Acque Spa

Bilancio Partecipato 2013

Sportello SUAP

ALLERTE METEO TOSCANA

Il Comune di Calcinaia si trova in Zona A4.

Previsioni Meteo

Per conoscere nel dettaglio le previsioni meteorologiche di Calcinaia e Fornacette clicca sul pulsante "Stampa PDF" che trovi in fondo a questo specchietto riassuntivo:


ULTIMA MOSTRA DEL 2019 PER VICO VITRI ARTE. LE CITTA’ ANALOG(IC)HE DI GASPERINI NELLA TORRE DEGLI UPEZZINGHI

inserita il: 27/11/2019 17:55

ULTIMA MOSTRA DEL 2019 PER VICO VITRI ARTE. LE CITTA’ ANALOG(IC)HE DI GASPERINI NELLA TORRE DEGLI UPEZZINGHI

Sarà l’ultimo appuntamento con l’arte del 2019, ma non sarà un appuntamento qualsiasi. Nella Torre degli Upezzinghi di Calcinaia stanno infatti per fare la loro apparizione le “Architetture Analog(ic)he” di Massimo Gasperini.

Sabato 30 Novembre alle 17.30, nella splendida cornice medievale della torre situata nel centro storico del paese, sarà celebrata l’apertura di una mostra di assoluto rilievo che, di fatto, chiuderà il cartellone di quest’anno della rassegna Vico Vitri Arte.

E proprio l’architettura sarà il cuore pulsante dell’esposizione dell’artista-architetto Massimo Gasperini, pisano, dottore di ricerca in Scienze della Rappresentazione, e già docente incaricato nelle Facoltà di Architettura di Firenze e di Genova.

I progetti di Gasperini sono stati esposti alla “X Mostra Internazionale di Architettura alla Biennale di Venezia” e in altre mostre nazionali. I suoi disegni sono pubblicati su importanti riviste digitali tra cui The Architectural Review Folio e Industriarchitettura.

I disegni dell’artista pisano indagano un nuovo rapporto tra artificio, struttura e natura. Espressioni inconsce si concentrano nelle forme disegnate per dar vita alle ‘città analog(ic)he’, evidente segno di perdita della sostanza stessa dell’architettura.

L’opera di Gasperini si presenta insomma come una perenne metafora della nostra società contemporanea, delle nostre ansie, delle nostre paure, del nostro dover essere perennemente moderni. Una narrazione libera sulle forme artificiali che saranno alla base di un futuro possibile, creando così nuovi scenari per le città degli uomini.

Per perdersi in queste nuove città basterà prendere parte all’inaugurazione dell'esposizione di Massimo Gasperini fissata per Sabato 30 Novembre alle 17.30. Per chi non potrà essere presente sabato, nessuna paura, la mostra resterà infatti aperta fino al 15 Dicembre e potrà essere visitata gratuitamente tutti i giorni (festivi compresi) dalle 17.30 alle 19.30.

Qua sotto la locandia dell'evento.

 

Condividi